:::: MENU ::::

4 aprile 2013

Eccoci qui con una nuova avventura e nuove chiacchere bellezze!!!
Si sarà mai capito quale argomento avrete il piacere di leggere?? Ovviamente si anche se l'ho messo in chiave scherzosa!
In diversi post vi ho parlato di ingredienti e/o componenti che vengono utilizzati per realizzare i prodotti cosmetici. C'é chi se ne frega, chi ci guarda senza troppa attenzione e chi invece lo ritiene importante e lo controlla attentamente prima dell'acquisto del prodotto in essere.
Io sono una via di mezzo, ne ho sempre capito ben poco di Inci ma negli ultimi due anni ho cercato di stare attenta dall'acquistare prodotti con parabeni o siliconi... Certo per ignoranza in materia mi sarà capitato diverse volte di prendere per buono qualcosa che non lo fosse ma da quando ho partecipato al Blogger Event ho deciso di fare più attenzione e 'studiare' cosa fa male e cosa no alla mia pelle. In fondo ragazze diciamocela tutta...

Di vita ne abbiamo una sola e di pelle pure, sta a noi curarla nel miglior modo possibile, vorremo mica arrivare a 50 anni con la pelle tutta rovinata. Prevenire é meglio che curare no?!!?!
Vi riporto qui di seguito una tabella che é stata illustrata al Blogger Event dove indica quali problemi può causare alla nostra pelle l'utilizzo di materie nocive.


Questi componenti non fanno bene alla nostra pelle e sono ottimi attori, non ci cascate!!! Vi promettono ottimi risultati e subito, vi mostrano cose che non pensavate di poter avere ma VADE RETROOOOOOOO ragazze non ci cascate!!! Siliconi&co. sono davvero bravi a a prenderci in giro.... Sotto sotto la pelle soffre, non respira e questo può creare i problemi descritti nella foto sopra. Sicure di preferire un puro effetto estetico che con gli anni vi farà sembrare nonnette precoci o meglio magari sacrificare qualche settimana e passare a qualcosa di più naturale??

Ma come fare per capire cosa ci fa male e quindi andare a colpo sicuro?
Innanzitutto é sempre bene consultare il Biodizionario dove basta digitare il nome della sostanza e sarà indicato che tipologia di componente é, se verde (buono), giallo (insomma) o rosso (cattivo).
Già con questa piccola accortezza avrete un'ottima garanzia di sapere cosa state comprando.
Qui di seguito viene indicato un elenco generale delle sostanze naturali presenti nei prodotti che acquistiamo


Ma veniamo ora nel dettaglio a quali sono le sostanze dannose per la nostra cute....
A tal proposito ho ricevuto l'altro giorno una mail informativa da Natura Equa dove mi descriveva in maniera molto dettagliata proprio le sostanze nocive.


DERIVATI PETROLCHIMICI
Sono derivati dal petrolio, non dermoaffini,  generalmente sostanze inerti che non fanno “respirare” la pelle: il loro uso prolungato può causare danni.
In etichettatura sono: paraffinum liquidum o mineral oil, paraffin, cera microcristallina.

I petrolati sono altamente pericolosi, perché 'tappano' la pelle, come se andaste in giro avvolte dalla pellicola per alimenti... Non sembra piacevole vero?

SOSTANZE SINTETICHE
Sono numerosissime ed è difficile elencarle tutte. Le principali famiglie sono:
-         Tensioattivi aggressivi e potenzialmente irritanti: Sodium lauryl sulfate (SLS) eSodium laureth sulfate (SLES). Sono i più diffusi nella detergenza: bagnoschiuma, shampoo, dentifrici, ma anche lavapavimenti e sgrassatori dei motori. Potenzialmente portatori di danni permanenti agli occhi e possibili danni al sistema immunitario
-         Sostanze che contengono la particella “eth”, etossilato, ovvero in parte petrolifero, potenzialmente irritante (es. ceteareth-12)
-         Sostanze che finiscono con “amine” o simile: pericolo di rilascio di nitrosammine (sostanze cancerogene), es.2-nitro-p-phenylenediamine (colorante per capelli)
-         Sostanze la cui nomenclatura ha 3-4 lettere in maiuscolo: es DEA, MEA, MIPA, EDTA
-         Polyethyleneglycole (PEG) , Polypropyleneglycole (PPG)
Categoria di sostanze emulsionanti di sintesi. In detergenti e shampoo sono utilizzate per ottenere emulsioni viscose, mentre nelle creme consentono di ottenere emulsioni con effetto emolliente e umettante. Tale effetto è solo apparente, poiché non apporta effettiva idratazione, nascondendo il reale stato della pelle. In particolare le pelli sensibili o danneggiate devono evitare PEG6, PEG20, PEG 75.
-         Propylene glycol, Butylene glycol, Polypropylene glycol
Sono utilizzati come solventi e diluenti nelle emulsioni. Facilitano la fluidità e la tenuta delle emulsioni, evitando la separazione dei componenti. Hanno un alto grado di penetrazione nella pelle, per cui vengono anche usati come veicolo di trasporto dei principi attivi. L'uso continuo causa sensibilizzazione ed aumenta la permeabilità della pelle. Il Propylene Glycol è anche utilizzato in fitocosmetica per estrarre i principi attivi dalle piante.
-         Sostanze che contengono “-trimonium”: ittiotossico, cioè dannoso per l’ambiente (es. cetrimonium chloride)
-         Polimeri sintetici: sono usato generalmente per dare consistenza al prodotto. In etichettatura hanno i prefissi –acryl o –polimer (es. polyacrylammide, acrylates copolymer, carbomer).
-         Isopropyl alcohol è un solvente e denaturante, ma è usato anche come antigelo!


Pensate di aver letto abbastanza?? Non abbiamo ancora finito, se siete arrivate fin qui tanto vale arrivare fino alla fine e decidere poi se continuare consapevolmente a non badare all'Inci.


SILICONI
Sostanze di sintesi, non dermoaffini, utilizzate per migliorare la sensorialità del prodotto dando un tocco vellutato o segoso. Inoltre i siliconi evitano la formazione della patina bianca nell’applicazione delle creme e usati nei balsami migliorano la pettinabilità: ottimo risultato immediato, ma possono dare problemi di sensibilizzazione nel tempo.
In etichettatura sono: finiscono in –one (es.dimethiconecyclomethicone), oppure finiscono in –xane (es.cyclopentasiloxane)

CONSERVANTI
-         Aldeide formica. Cancerogena. E’ da anni normato il suo uso, ma frequentemente utilizzata: In etichetta: formaldehyde.
-         quaternium-15: è nocivo perché rilascia formaldeide, è tossico e dà luogo a fenomeni di sensibilizzazione.
-         Parabeni: molto utilizzati da anni, ma ora sempre più frequenti sono i casi di intolleranze, allergie e sensibilizzazioni. In etichettatura: methylparaben, ethylparaben, propylparaben, butylparaben,…
-         Isotiazolinoni: molto utilizzato e ora sotto accusa per potenziali irritazioni. In etichettatura: methylisotiazolinone, methylchloroisotiazolinone.
-         Imidazolidinyl urea e DMDM hydantoin possono rilasciare formaldeide (cancerogena).
-         Triclosan, è un usatissimo antibatterico, soprattutto su saponi liquidi, ma è anche un  pesticida. Gli è stato assegnato un alto indice di rischio per la salute umana e ambientale. Sospetto cancerogeno.


Oltre a tutto questo abbiamo anche altri due fattori da considerare...

INGREDIENTI RICAVATI DA ANIMALI MORTI
Spesso utilizzati nella cosmesi tradizionale sono invece assolutamente banditi in quella Bio. Si possono nascondere in molti ingredienti ad esempio il Sodium tollowate (ricavato da grasso animale, tipico nei saponi), oppure Collagen, Elastin, Keratin, Squalene (ricavato dal fegato degli squali),  Ostrea (ostrica), il colorante C.I. 75470 (ricavato dalla cocciniglia). Sono banditi anche il midollo e la placenta animali (hydrolyzed placental protein)

ANTIOSSIDANTI
Tra gli antiossidanti è spesso usato il Butilidrossianisolo conosciuto con la sigla di BHA: questa sostanza metabolizzata dal nostro organismo è stata riconosciuta dalla Commissione Europea come cancerogeno e può agire negativamente sul sistema endocrino. Per questo motivo la FDA (Food and Drug Administration – agenzia governativa degli Stati Uniti) stabilisce un limite massimo consentito nell'utilizzo di questa sostanza.
Altro antiossidante spesso utilizzato è il BHT: anche questo può causare allergie, ma attenzione perché il suo utilizzo non è regolamentato dalla Commissione Europea.

Con questo é tutto, spero di non avervi annoiate e di avervi dato spunto di riflessione sulla scelta di cosa utilizziamo ogni giorno sulla nostra pelle! Ho pensato potesse essere utile una raccolta delle sostanze nocive. Ognuno poi é libero di decidere cosa fare della propria pelle, non sto certo qui a dettare legge XD, sono io in primis che spesso per sbadataggine non presto particolare attenzione, ma invito comunque voi che state leggendo a riflettere per lo meno su quanto vi ho riportato.
E tu, si tu che stai leggendo.... sai davvero come sta la tua pelle??

Reazioni:

16 commenti:

  1. Bellissimo post, davvero!!
    Io mi rendo conto di essere un'irresponsabile, anche se adesso faccio davvero molta più attenzione - rispetto a prima - a quello che uso.
    Il biodizionario è una salvezza, sai che c'è ance l'app per tablet e telefono? Utilissima per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh non sapevo.... buono a sapersi, così potremo essere informate anche direttamente in negozio ^^

      Elimina
  2. mamma mia tesoro che post straordinario è davvero utile e fa riflettere molto brava davvero sei stata bravissima a condividere tutto questo con noi credo che ci sia molta ignoranza in giro per carità si è liberi di scegliere ma è giusto che ci sia una scelta consapevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie sophia, mi fa piacere che lo hai apprezzato ^^

      Elimina
  3. BELLISSIMO POST!!! NE AVEVO PROPRIO BISOGNO... ORA MI SEGNO TUTTO :)GRAZIE MILLEEE

    RispondiElimina
  4. mai mai mai non leggo gli inci... a meno che mi si dica che un prodotto è naturale e bio... Se devo spendere tanto, si... ci sto attenta... ma sono una grande irresponsabile.. Di solito provo il prodotto, se vedo che la mia pelle reagisce bene, ok... altrimenti cestino XD

    RispondiElimina
  5. ricordate che il biodizionario, lo dice anche il nome è per segnalare ingredienti bio e non, non dannosi e non.

    RispondiElimina
  6. bellissimo e utilissimo! Anche i prodotti Naturaequa sono "intriganti"

    RispondiElimina
  7. Post utilissimo, complimenti. A tal proposito, voglio segnalare l'app Cosmetifique per IOS, è come avere il biodizionario sempre in tasca, molto utile se si è in negozio e si vuole controllare subito l'inci di un prodotto prima di acquistarlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene anche per android o solo per ios?

      Elimina
  8. Grazie un post davvero molto molto utile!

    RispondiElimina
  9. ...ecco mi hai creato i complessi...responsabili. Sono sincera sono un pò una facilona e presto poca attenzione a ciò che invece ne meriterebbe
    Grazie per questo post, farò tesoro dei tuoi consigli

    RispondiElimina
  10. Sono alquanto irresponsabile..ora mi segno tutto!

    RispondiElimina
  11. post interessantissimo e molto utile! grazie cara ^_^

    RispondiElimina

NO SPAM!! I commenti che contengono spam non saranno approvati.