:::: MENU ::::

21 maggio 2013

Salve a tutte bellezze! Eccoci qui con un nuovo post, oggi niente review ma un po' di chiacchere e qualche suggerimento su una cosa che bene o male tutti facciamo. Ok non é il post "ho scoperto l'acqua calda" e nemmeno sto qui a voler fare la maestrina, non sono nata imparata ma penso che comunque sia utile dare il mio parere in merito.
E qui cadiamo sulla domanda e sul motivo di questo post.... ma voi....

Come li lavate i pennelli da trucco???

Bene, ora vi dico come tratto io i miei pennellozzi da 'lavoro'...
Quando si acquistano pennelli nuovi, da qualunque negozio che sia per strada che sia on line é buona norma lavarli prima di utilizzarli sulla nostra pelle e occhi, questo perché non sappiamo da dove arrivano, chi li ha toccati e soprattutto come sono stati tenuti. Percui per sconfiggere i batteri cattivi e qualsiasi sorta di sporcizia possa esserci sopra é bene fargli fare un bel bagnetto!

A tal proposito ho visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare!!!! ho visto pubblicate da presunte 'guru del beauty' foto dove insegnavano il proprio metodo per lavare i pennelli e credetemi mi son messa le mani tra i capelli in preda alla disperazione ed ero quasi pronta a urlare "nooooo salvateliiiii vi pregoooo"! Bene i poveri pennelli erano stati immersi nel lavandino pieno di acqua, avevano fatto un vero e proprio tuffo in 'vasca'... Ragazze! NON FATELO!!!!!! Non fate morire così i vostri amati pennelli, compagni di avventura fedeli e affidabili, abbiate pietà di loro e curateli come meritano, vi ripagheranno con anni di morbidezza ed efficacia.
Bene partiamo dal principio. I vostri pennelli sono nuovi, immacolati e freschi di acquisto! Cosa si fa ora? E' imperativo lavarli ovviamente per i motivi citati poco più su.


Ora vi spiego io come faccio, libere di concordare o dare consigli per migliorare la mia 'tecnica'
In primis si deve pensare a quale prodotto usare per lavarli, qui le filosofie di pensiero sono molteplici. C'é chi usa il semplice sapone, chi il sapone di marsiglia, chi lo shampoo e chi altro ancora.... 
Io cosa uso?? Io mi trovo bene con lo shampoo che ho comprato per lavare il mio cane, in fondo ho pensato che se rende morbido il pelo animale farà altrettanto su quello dei pennelli. E così ho fatto e da un paio di anni ormai uso sempre lo stesso shampoo. In alternativa potete usare uno shampo da supermercato, basta che sia neutro così non rischiate vi dia fastidio l'odore. 
Ma come si fa a lavare i pennelli?? Anche qui bisogna avere determinate accortezze per far si che non ci abbandonino o si rovinino. Innanzitutto i pennelli non vanno buttati nell'acqua, non vanno immersi ma bisogna tenerli in mano e mettere sotto il getto dell'acqua solo le setole tenendo il pennello in diagonale con le setole che vanno in giù.


Perché questa cosa? I peli dei pennelli per restare dove sono vengono incollati al manico e bloccati poi dal cilindro in metallo (non conosco il termine aiutatemi) dal quale spuntano le setole. Quindi essendo le setole solo incollate se ci buttiamo dentro l'acqua si rischia che si scollino e che quindi il pennello perda la sua corposità. Fatta questa accortezza é il momento di procedere al lavaggio... Io una volta bagnate le setole (di solito ne faccio 2-3 alla volta, non tutti insieme) é l'ora dello shampoo (o sapone). Ne metto un goccio direttamente sulle setole (regolatevi a seconda della grandezza del pennello) e comincio a strofinare. Sciacquate sempre bene le setole, come faremmo con i nostri capelli per intenderci, avendo cura nel tenere il pennello sempre con le setole che vanno verso il basso in modo che non si bagni l'attaccatura. Alcune usano anche il balsamo ma io ne faccio a meno, sarà pigrizia o sarà che a mio avviso lo shampoo lo trovo sufficiente io evito l'uso del balsamo, fatta eccezione nel caso che le setole siano magari un po' pungenti. Una volta lavato e strizzato per far uscire l'acqua in eccesso procedo con la 'sbattitura', ossia scrollo un po' il pennello per far si che che se qualche goccia é entrata dentro non faccia residuo. Avete presente quando usate il blush che a volte picchiettiamo il pennello prima di farlo roteare sulle nostre guanciotte? Ecco io uso lo stesso metodo per 'scrollare' via l'acqua. Poi procedo a 'sistemare' le setole compattandole con i polpastrelli, in modo che asciugandosi non sembrino leoncini spauriti. Successivamente ripongo i pennelli appena lavati sopra ad una base piana orizzontale.


Nel caso abbiate molti pennelli da lavare vi consiglio di riporli una volta lavati su un asciugamano messi per bene in fila, senza che si 'scavalchino' in modo che possano tutti asciugarsi senza problemi.
E' assolutamente vietata ogni forma di calore sulle setole. Niente sole, niente phon, niente riscaldamento.
E infine cosa a mio avviso molto utile per mantenere la compattezza dei pennelli e soprattutto evitare che prendano polvere é usare i brush guard


Io ho preso da un sito internazionale un metro di questa retina, così da poter fare le lunghezze che mi servivano, vi dirò che l'ho pagato davvero una sciocchezza, tipo 1 euro compresa la spedizione.
Cosa importante a mio avviso é non lavare i pennelli ad ogni utilizzo, si sciuperebbero molto presto. Procuratevi un Brush Cleaner per disinfettare i pennelli una volta usati (o tra un colore e l'altro se avete pochi pennelli a disposizione). Personalmente utilizzo quello Elf, che trovo economico e molto valido, lo trovate qui.
Spero di esservi stata utile con questo post, se vi va raccontatemi il vostro metodo di pulizia.
Reazioni:

2 commenti:

  1. Io ho abbandonato i brush guard, mi hanno rovinato i pennelli a lungo andare e alcuni li ho dovuti gettare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero?? e come mai li ha rovinati??

      Elimina

NO SPAM!! I commenti che contengono spam non saranno approvati.